Endupack si trasferisce a Bosrobert

Ex istruttore di tennis che si è unito a Endupack nel 1990 come apprendista, Frédéric Demonfort è cresciuto insieme all’azienda, diventando amministratore delegato nel 2007, poi presidente due anni fa. Aveva quindi raccolto una grande sfida assumendo il controllo dell’azienda. Alla fine del 2020, c’è un’altra grande sfida che lo attende: l’avvio dei lavori per la costruzione di un nuovo stabilimento nella business area Maison Rouge, a ridosso dell’autostrada A28, a Bosrobert.

Endupack
Endupack rendering 3d della nuova sede

Dopo la convalida della licenza edilizia a settembre e l’acquisto del terreno a fine ottobre, i lavori sono iniziati giovedì scorso (19/11/’20). “Parliamo di questa mossa da quattro o cinque anni“, dice Frédéric Demonfort. “L’attuale sito a Pont-Authou è diventato obsoleto, con officine ed edifici separati che non erano più conformi agli standard. Avevamo raggiunto i limiti in termini di capacità produttiva. Era davvero necessario operare in un edificio più moderno che soddisfacesse criteri internazionali.

L’attuale sito situato a Pont-Authou era inizialmente dedicato al business tessile, per le coperte da letto vendute nei grandi supermercati. L’ex presidente Bernard Agnan aveva rilevato la società Delaporte che è andata in amministrazione controllata. “Voleva raddrizzare l’attività tessile pur essendo innovativo a livello di packaging e diversificando i clienti“, afferma il suo successore.

Nasce in questo momento il concetto che ha reso Endupack un successo: la creazione di un foglio antiscivolo che, posto tra due strati di confezioni, evita che le scatole scivolino durante il trasporto su pallet.

Endupack
Endupack nuovo sito visto dall’alto, rendering 3d

“Sono arrivato in quel momento, non avevo alcuna esperienza lavorativa, ma Bernard Agnan cercava qualcuno combattivo per avviare questa attività”, spiega Frédéric Demonfort. “Il primo cliente ha ordinato 500 fogli, poi l’attività è cresciuta mese dopo mese con clienti abituali”.

La parte tessile non riacquistò il vigore sperato e fu venduta nel 1993. Gli imballaggi protettivi, invece, aumentarono le vendite. “Abbiamo lanciato una nuova generazione di interfalde nel 1995, dovevano essere effettuati investimenti e avevamo una visione globale creando una rete di distributori esclusivi in più paesi possibile”, aggiunge Frédéric Demonfort.

I mercati si stavano aprendo in Europa, poi nei primi anni 2000, in Nord America, Asia, Australia … Con clienti prestigiosi come Nestlé e Procter & Gamble. “Vendiamo oggi in 52 paesi, l’80% della nostra attività viene esportata, di cui il 30% fuori dall’Europa”, spiega il manager. Il numero di macchine ha continuato a crescere, costringendo l’azienda a pensare alla sua espansione. Altri due sono stati addirittura acquistati in previsione del nuovo edificio a Bosrobert. Quest’ultimo sarà di 6.400 m², rispetto ai 5.000 attualmente a Pont-Authou, e faciliterà notevolmente i flussi logistici. “In termini di costi, ciò rappresenta una grande differenza, ma i guadagni di produttività saranno molto migliori”, afferma Frédéric Demonfort. “Potremo ottenere nuovi mercati, è l’essenziale strumento per il nostro sviluppo. “

Frederic Demonfort Endupack fogli antiscivolo
Frederic Demonfort Endupack produttore di fogli antiscivolo

Il presidente si è unito a due soci quando ha rilevato l’azienda nel 2018, uno canadese e uno olandese. Due persone con competenze complementari, nelle quali ha piena fiducia. “Non sono lì solo quando le cose vanno bene, hanno la capacità di fare un passo indietro. Abbiamo attraversato turbolenze, la nostra relazione è stata dimostrata in passato. Per me era importante essere circondato da persone che partecipano a queste sfide.

Endupack, che conta 35 dipendenti, ha assunto il 10% in più di personale nel 2020. La sede di Bosrobert, a 7 km di distanza, avrà il vantaggio di non allontanare i dipendenti dal loro ambiente. E per dare maggiore visibilità a questo settore, lungo l’autostrada 438. “Vogliamo costruire una bella fabbrica“, insiste Frédéric Demonfort. “Si deve vedere il tocco del nostro partner olandese. Una fabbrica deve trasmettere i valori dell’azienda e promuoverla, non deve essere solo uno strumento di produzione. Su piccola scala, vogliamo essere parte di questo cambiamento nella visione del settore con persone che sono orgogliose di lavorare per Endupack. “

Attuale sito produttivo della Endupack a Pont-Authou

Si tratta di un investimento importante per l’azienda, fino a 5 milioni di euro, nel pieno di una crisi sanitaria ed economica. Un periodo che Endupack sta attraversando “senza disoccupazione parziale e senza rinvio di scadenze“.

Prima della crisi avevamo ambizioni maggiori, ma la nostra attività dovrebbe essere la stessa o leggermente inferiore rispetto allo scorso anno. Sarà indolore per i nostri dipendenti e i nostri partner.

Il trasferimento è previsto per la fine dell’anno 2021. “E questo è solo un passo, non un risultato“, avverte Frédéric Demonfort, determinato a continuare il movimento della società verso l’alto.

Articolo di Anthony Bonnet pubblicato su “Le Courrier de l’Eure” il 25/11/2020 sezione Economia (link all’articolo tradotto)